Cielo di Maggio!

Fenomeni astronomici e informazioni speciali

Benvenuto Maggio!
Come per i mesi precedenti, la mia illustrazione contiene una piccola sintesi, ma continuando a leggere troverai molti altri dettagli. Ti aspetta un elenco di tutti i pianeti osservabili, degli eventi astronomici del mese, le congiunzioni e le costellazioni tipiche del periodo, assieme alle indicazioni su come individuarle nel cielo.
 Illustrazione Cielo di Maggio

L’articolo è organizzato in paragrafi, in modo che tu possa trovare subito ciò che ti interessa.
Spesso orientarsi tra stelle e costellazioni può essere difficile, soprattutto se sei alle prime armi o se vivi in un ambiente con tanto inquinamento luminoso! Per questo ti consiglio di aiutarti con un’applicazione per smartphone o pc: se non l’hai ancora fatto, puoi scoprire quali sono leggendo la nostra guida “Le migliori App gratuite per conoscere le stelle”.
Fatte queste premesse, non ci resta che andare al sodo ed iniziare!

Fenomeni astronomici e informazioni speciali

 

  • Durante questo mese la durata del giorno aumenterà di 59 minuti ed avremo la nostra bella Luna piena il 18, alle 23:11.
  • Puoi osservare lo sciame meteorico delle eta Aquaridi! Saranno visibili per tutto il mese, ma io ti consiglio di provare ad individuarle nei primi giorni di maggio, in particolare tra il 4 ed il 7. 
Questo sciame, infatti, non è particolarmente ricco, ma in quei giorni ci sarà il novilunio a venirti in aiuto. Se vivi al Sud, potrai godere di condizioni migliori e avrai più tempo per cercarle.

Pianeti

Mercurio: sarà parecchio difficile da individuare al mattino, durante le prime luci dell’alba. Attenzione perché si troverà decisamente basso sull’orizzonte Est, nella costellazione dei Pesci, durante i primi giorni del mese. Per rivederlo dovrai aspettare il 26, ma stavolta sarà osservabile a Nord-Ovest al tramonto.

Venere: purtroppo le condizioni di visibilità peggiorano leggermente! Puoi continuare a cercarlo ad Est/Sud-Est circa un’ora prima dell’alba, parecchio basso sull’orizzonte. Lo troverai nei Pesci fino al 17, quando passerà nell’Ariete.

Marte: la visibilità non è al massimo nemmeno per il Pianeta Rosso, ma potrai comunque individuarlo senza troppe difficoltà: sarà osservabile ad Ovest e ti apparirà come un piccolo puntino luminoso di colore ramato.
Cercalo durante la prima parte della notte, sarà nel Toro fino al 16, per poi spostarsi nei Gemelli.

Giove: va sempre meglio per il nostro gigante gassoso! Potrai vederlo sorgere a Sud-Est, nell’Ofiuco, in un orario sempre più comodo (alle 23:27, per poi anticiparsi alle 21:20 a fine mese). Avrà magnitudine di -2,6 quindi sarà facilissimo individuarlo!

Saturno: anche per il Signore degli Anelli le condizioni continuano a migliorare! Lo troverai nel Sagittario ad Est. Ad inizio mese sorgerà all’1:26, ma col passare del tempo si anticiperà parecchio ed a fine mese potrai vederlo brillare già verso le 23:21. Si tratta di un pianeta molto suggestivo da osservare anche ad occhio nudo, ma se hai l’occasione di usare un telescopio ti consiglio vivamente di approfittarne!

Urano: purtroppo continua a non essere osservabile a causa della congiunzione dello scorso 23 aprile!
Nettuno: se hai un telescopio a disposizione, puoi cercarlo al mattino prima del sorgere del Sole, a Sud-Est. Darà il meglio di se a fine mese, anche se resterà sempre molto basso sull’orizzonte.

Plutone: anche per il nostro amato pianetino ti servirà un bel telescopio con un diametro generoso, oltre a cieli scuri e tanta pazienza. Se vuoi cimentarti nell’impresa, cercalo a Sud-Est nel Sagittario, durante la seconda parte della notte. Sorgerà verso l’1:30 per poi anticiparsi alle 23:34 a fine mese.

Cerere: se non è la prima volta che leggi questa rubrica, saprai già che è possibile osservare anche un altro pianeta nano! Si tratta di Cerere, un affascinante e sorprendente pianetino nella Fascia degli Asteroidi tra Marte e Giove, da poco visitato dalla sonda Dawn della Nasa.
Maggio è un mese speciale per lui, perché il 29 raggiungerà l’opposizione! Questo vuol dire che puoi provare ad osservarlo anche con un buon binocolo, soprattutto se hai a disposizione un cielo con poco inquinamento luminoso. 
La sua magnitudine sarà pari a +7,0 e lo troverai nell’Ofiuco. Il tempo per cercarlo sarà parecchio (tutta la notte!), quindi ti consiglio di non perdere questa occasione per individuarlo!

Costellazioni

Ormai le costellazioni invernali sono quasi tutte un ricordo e dovrai aspettare qualche mese per ammirarle di nuovo.
Fino alle 22:00 puoi ancora provare ad individuare parte della costellazione di Orione, il Cane Minore, l’Auriga, il Cancro e le stelle principali dei Gemelli.

Se invece vuoi iniziare a fare pratica con le costellazioni primaverili, puoi cominciare dalla Vergine! La trovi a Sud, decisamente alta nel cielo. Pur essendo parecchio estesa, non ha molte stelle brillanti (la più luminosa è Spica) e potrebbe essere difficile vederla nella sua interezza a causa dell’inquinamento luminoso. Nella stessa zona del cielo, ma più bassa sull’orizzonte, puoi vedere anche la costellazione del Leone assieme alla sua Regolo.

Se preferisci una zona del cielo con stelle più brillanti, puoi guardare verso Nord-Est: ad aspettarti ci sarà Arturo, nel Bootes, dal caratteristico colore arancio-rossastro. Anche la costellazione è abbastanza facile da riconoscere! Come puoi vedere dall’illustrazione ha una forma che ricorda quella di un aquilone, sulla cui punta spicca la brillante Arturo. Il nome di questa stella deriva da una parola greca che significa “guardiano dell’Orsa” e parecchi sono i miti antichi che la riguardano. Ne troviamo molti anche nell’Antica Roma, in cui il Bootes è appunto il guardiano dei “septem triones” (sette buoi), le sette stelle dell’Orsa Maggiore.

Bootes

Puoi facilmente capire l’origine di questi miti osservando la vicinanza tra le due costellazioni: ti basterà infatti partire dalle tre stelle della coda (o timone) del Grande Carro, per individuare il Bootes!

Anche l’Orsa Maggiore gode di un periodo di ottima visibilità, quindi puoi approfittarne per goderti lo spettacolo! La trovi in direzione Nord, praticamente allo zenit e puoi utilizzarla per trovare la Stella Polare, che invece fa parte dell’Orsa Minore. Ti basterà cercare le due stelle del Grande Carro Dubhe e Merak e successivamente creare una linea immaginaria tra loro.
Ora immagina di prolungare la linea verso sinistra, per ben cinque volte. Il piccolo astro che raggiungerai facendolo, altri non è che la Stella Polare!

Nella zona compresa tra Orsa Maggiore e Bootes, puoi anche provare a riconoscere due piccole costellazioni: i Cani da Caccia e la Chioma di Berenice.
In tarda serata, poi, puoi osservare sorgere a Sud-Est la Bilancia, lo Scorpione, l’Ofiuco e il Sagittario. Sopra l’Ofiuco ecco comparire anche la Corona Boreale e la grande costellazione di Ercole. Quest’ultima è decisamente degna di nota anche perché al suo interno è presente M13, un famosissimo ammasso stellare decisamente ricco di astri. Ti basta anche solo un binocolo per provare ad ammirarlo!

Sempre a Nord, sotto l’Orsa Maggiore, ti aspetta Cassiopea con la sua caratteristica forma a “W” accompagnata da Cefeo.
A Nord-Est, infine, se riesci ad aspettare fino a notte inoltrata, puoi anche vedere sorgere la Lira con la sua Vega, assieme a Cigno ed Aquila. Ricordati di queste tre costellazioni, perché saranno le principali protagoniste dei futuri cieli estivi.

Congiunzioni

Vuoi ammirare uno spettacolo particolare, ma abbastanza facile da individuare? Allora le congiunzioni sono ciò che fa per te! Ti elenco qui quelle che avverranno durante questo mese. Se ti va puoi anche provare a fotografarle e condividere con noi i risultati.

  • 2 maggio, Luna – Venere: una sottile falce di Luna accompagnerà il pianeta Venere che apparirà decisamente brillante (mag. -3,9). Sarà uno spettacolo suggestivo assicurato perché entrambi saranno visibili tra le prime luci dell’alba, bassi sull’orizzonte Est.
  • 6/7/8 maggio, Luna – Marte – Aldebaran – Betelgeuse: durante questi tre giorni avrai l’occasione di assistere ad un incontro particolare! Ti consiglio di approfittarne e seguire le varie tappe, sarà anche un’occasione per dare un ultimo saluto alle costellazioni invernali.
 Tutto inizierà la sera del 6, quando troverai una sottile falce di Luna nella costellazione del Toro, vicino alla stella Aldebaran. Il 7, invece, la Luna sarà più alta nel cielo e farà compagnia al pianeta Marte. Non lontano potrai ancora ammirare Aldebaran e Betelgeuse, una delle stelle principali della costellazione di Orione. L’8 maggio, poi, la Luna sarà al 16% e quindi potrai anche fotografarla in luce cinerea!
  • 20 maggio, Luna – Giove: tieniti pronto per le 22:45 circa! Giove e la Luna in fase del 95% ti aspettano a Sud-Est, nella costellazione dell’Ofiuco.
  • 23 maggio, Luna – Saturno: anche in questo caso dovrai guardare a Sud-Est. Verso mezzanotte e mezza troverai la Luna in compagnia di Saturno nella costellazione del Sagittario. Ti servirà una visuale abbastanza libera, perché saranno entrambi bassi sull’orizzonte.

Anche per questo mese è tutto! Come vedi gli spettacoli suggestivi non mancheranno, quindi non ti resta che approfittarne.
In ogni caso ti auguro buona osservazione e cieli sereni!

Scritto da

Chiara Capuano

Domande o commmenti?

×