Cielo di Settembre!

Cielo di Settembre!

Fenomeni astronomici e informazioni speciali

Benvenuto Settembre!
Osservando la mia illustrazione potrai già farti un’idea su cosa ammirare durante questo mese, ma se continui a leggere troverai molti altri dettagli. Ti aspetta un elenco di tutti i pianeti osservabili, degli eventi astronomici, le congiunzioni e le costellazioni tipiche del periodo, assieme alle indicazioni su come individuarle nel cielo notturno.

Cielo di Settembre 2019

L’articolo è organizzato in paragrafi, in modo che tu possa trovare subito ciò che ti interessa. Spesso orientarsi tra stelle e costellazioni può essere difficile, soprattutto se sei alle prime armi o se vivi in un ambiente con tanto inquinamento luminoso! Per questo ti consiglio di aiutarti con un’applicazione per smartphone o pc: se non sai quale scegliere, puoi utilizzare la nostra guida “Le migliori App gratuite per conoscere le stelle”.
Fatte queste premesse, non ci resta che iniziare!

Fenomeni astronomici e informazioni speciali

 

  • L’estate è ormai agli sgoccioli: l’Equinozio d’Autunno avverrà esattamente il 23 settembre alle 9:50. Durante questo mese, infatti, le giornate si accorceranno di circa 1 ora e 20 minuti!

Pianeti

Mercurio: dal 18 in poi la visibilità inizierà a migliorare, anche se dovrai aspettare un paio di mesi ancora per osservarlo al suo meglio. Intanto lo troverai molto basso ad Ovest, subito dopo il tramonto.

Venere: dal giorno 20 tornerà a farsi vedere! Anche in questo caso sarà decisamente basso sull’orizzonte, sempre poco dopo il tramonto, ma le condizioni miglioreranno un po’ col passare dei giorni.

Marte: purtroppo il Pianeta Rosso resta ancora totalmente inosservabile.

Giove: con il finire dell’estate, anche per il nostro gigante gassoso le cose iniziano a cambiare. Potrai comunque individuarlo facilmente, sempre tra l’Ofiuco e lo Scorpione, ma tramonterà già due ore dopo il crepuscolo.

Saturno: ci sarà meno tempo anche per osservare il Signore degli Anelli! Tramonterà, infatti, poco dopo la mezzanotte e brillerà sempre tra le stelle del Sagittario.

Urano: avrai l’intera notte a disposizione per provare a cercarlo, ma ricordati di usare un telescopio se hai intenzione di provarci. Lo troverai ad Est, nell’Ariete.

Nettuno: il 6 raggiungerà l’opposizione, quindi questo è il periodo migliore per osservarlo! Pur essendo un momento favorevole, resta in ogni caso ai limiti della visibilità ad occhio nudo (mag. +7.8), quindi ti servirà comunque un buon telescopio. Puntalo verso l’Acquario, esattamente nei pressi della stella Phi Aquarii.

Plutone: il periodo dell’opposizione è passato, ma avrai comunque gran parte della notte per provare ad individuarlo. Ricordati che è necessario un telescopio di almeno 150 mm di diametro! Il nostro pianeta nano preferito si trova ancora nel Sagittario.

Cerere: sapevi che è possibile osservare anche un altro pianeta nano? Si tratta di Cerere, che si trova nella fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove. Durante questo mese sarà più difficile beccarlo, perché tramonterà già verso le 23:20, per poi anticiparsi alle 21:50 a fine mese, restando sempre piuttosto basso sull’orizzonte. Puoi comunque provare a puntare un buon binocolo verso lo Scorpione, non lontano dalla stella Antares.

Costellazioni

Settembre può quasi essere considerato un mese di transizione per quanto riguarda le costellazioni.
Potrai ancora ammirare gli astri protagonisti del periodo estivo, ma non li troverai più allo zenit verso la mezzanotte, ma più in direzione Ovest, quasi pronti a tramontare.
Iniziano a farsi più spazio, invece, le costellazioni tipiche del periodo autunnale. Durante la seconda metà della notte, quasi prima dell’alba, farà già capolino la costellazione di Orione che per poco condividerà il cielo con le stelle del Triangolo Estivo. Ho avuto il piacere di godermi questo spettacolo già durante gli ultimi giorni di agosto, se ne hai occasione ti consiglio di non perdertelo!

Poco dopo il tramonto saranno ancora lì ad aspettarti lo Scorpione, il Sagittario e l’Ofiuco, mentre a Nord-Ovest vedrai tramontare il Bootes con la sua Arturo, accompagnati dalla Corona Boreale.
Dopo qualche ora, sarà il Triangolo Estivo a tramontare, composto dalla Lira con Vega, l’Aquila con Altair e il Cigno con Deneb. In un cielo più scuro puoi anche riconoscere le piccole Volpetta, Freccia e Delfino.

Se sposti lo sguardo verso Sud ecco invece Capricorno, Acquario e Pesci, tutte e tre non facilissime da individuare, soprattutto con parecchio inquinamento luminoso. Sarà molto più semplice beccare la piccola costellazione dell’Ariete, verso Est.

Protagonista del cielo di Sud-Est, invece, è Pegaso, costellazione tipica del periodo autunnale. Si trova esattamente sopra Acquario e Pesci ed è decisamente estesa. Come puoi vedere dalla mia illustrazione qui in basso, è facilmente riconoscibile anche grazie al famoso asterismo chiamato “Quadrato di Pegaso” o “Grande Quadrilatero di Pegaso”, formato da 4 stelle, una delle quali si trova al confine con un altra costellazione. Se hai a disposizione un binocolo puoi provare a cercare M51, uno degli ammassi globulari più densi che conosciamo.

Costellazione di Pegaso

Pegaso è anche chiamato “il cavallo alato”, perché il suo nome deriva dalla mitologia greca: fu proprio in sella a Pegaso che Perseo liberò la principessa Andromeda, condannata da Poseidone ad essere divorata dal mostro marino Ceto. Perseo e Andromeda si trovano infatti vicini al Quadrilatero di Pegaso e per vederli ti basterà spostare lo sguardo verso Nord-Est.

Nei pressi di Andromeda è visibile anche l’omonima galassia, osservabile con un binocolo o anche ad occhio nudo in cieli molto scuri. Il binocolo è anche lo strumento migliore per ammirare un altro oggetto del cielo profondo che si trova da quelle parti: il “Doppio Ammasso del Perseo”. Si tratta infatti di un oggetto molto esteso, formato da due ammassi distanti fra loro un migliaio di anni luce.

Infine, se sposti lo sguardo verso Nord ad aspettarti ci sono sempre Orsa Maggiore e Orsa Minore con la sua Stella Polare, accompagnate dal Dragone, da Cefeo e da Cassiopea, con la caratteristica forma a “W”.

Congiunzioni

Vuoi ammirare uno spettacolo affascinante, ma abbastanza facile da individuare? Allora le congiunzioni sono ciò che fa per te! Ti elenco qui quelle che avverranno durante questo mese. Se ti va puoi anche provare a fotografarle e condividere con noi i risultati.

  • 5 e 6 settembre, Luna – Giove: il nostro satellite naturale al Primo Quarto e Giove saranno di nuovo protagonisti di un affascinante spettacolo da ammirare e fotografare!
  • 8 settembre, Luna – Saturno: questa volta la Luna sarà al 76% e accompagnerà Saturno nel Sagittario già verso le 21:30. Avrai tempo fino all’1:30 per ammirarli..
  • 29 settembre, Mercurio – Venere – Luna: questa volta si tratta di una congiunzione davvero complessa da osservare, perché le condizioni di tutti e tre i protagonisti saranno decisamente difficili. Mercurio e Venere saranno bassissimi sull’orizzonte e ancora immersi nella luce del tramonto, e saranno accompagnati da una sottilissima falce di Luna (fase del 1,5%). Nel caso volessi comunque tentare l’impresa, ti consiglio di cercare un posto con poco inquinamento luminosi e un orizzonte libero da ostacoli.

Anche per il mese di settembre è tutto, non mi resta che augurarti buona osservazione ed ovviamente cieli sereni!

Scritto da

Chiara Capuano

Domande o commmenti?

×